Gli animali domestici possono ingerire delle sostante tossiche.

Una maggiore incidenza si verifica nel cane rispetto al gatto e nei cuccioli rispetto agli adulti.

A seconda del tempo intercorso dall’ingestione e del tipo di tossico, il medico veterinario deciderà l’intervento più opportuno (induzione del vomito, lavanda gastrica, antidoti specifici, terapia sintomatica di supporto).