Il fibrosarcoma iniezione / vaccino indotto è una neoplasia maligna tipica dei gatti che insorge in seguito a iniezioni sottocutanee ripetute nel tempo.

In seguito alle iniezioni si instaura un processo infiammatorio granulomatoso che con il tempo può subire una traformazione neoplastica.

E’ una predisposizione genetica tipica della specie felina e non coinvolge assolutamente i cani nei quali le iniezioni sottocutanee non sono causa predisponente al fibrosarcoma.

Si consiglia di vaccinare i gatti solo quando il rischio di contrarre le malattie infettive è elevato e concreto.

La somministrazione sottocutanea di farmaci generalmente comporta un rischio minore rispetto all’iniezione di vaccini ma, se possibile, sarebbe comunque preferibile usare altre vie di somministrazione (orale o endovenosa).

La palpazione regolare del proprio animale consente di rilevare il nodulo infiammatorio post-iniezione e quindi di poter intervenire prima dell’evoluzione della neoplasia.

La diagnosi è cito-istologica. La stadiazione richiede: TAC, Ecografia, Radiografia, analisi del sangue.

A seconda di istotipo, stadiazione, estensione e localizzazione della massa la terapia può essere solo chirurgica o richiedere anche radioterapia e chemioterapia.

La chirurgia invasiva su noduli di piccole dimensioni può essere curativa.