I tumori della ghiandola tiroidea nel cane rappresentano 1,2-4% di tutti i tumori.

Le razze maggiormente predisposte sono i Boxer, Beagle, Golden Retriever.

I carcinomi costituiscono il 63-88% di tutti i tumori tiroidei.

I carcinomi follicolari sono spesso di dimensioni importanti e generalmente infiltrano il tessuto circostante, le strutture laringee ed i maggiori vasi della regione del collo.

Per lo più i carcinomi non provocano alterazioni funzionali della ghiandola. Circa il 33% dei cani al momento della diagnosi presentano metastasi, generalmente localizzate ai polmoni ed ai linfonodi regionali.

Per la stadiazione occorre l’ecografia addominale, RX torace, TAC.

La terapia varia a seconda delle dimensioni della massa e da quanto il tumore infiltra le strutture adiacenti: se il carcinoma è ben delimitato non infiltrante e non sono presenti lesioni metastatiche, la chirurgia è la terapia di elezione; nelle situazioni in cui non è possibile eseguire una chirurgia curativa è consigliabile la radioterapia.

Considerando il potenziale metastatico è sempre opportuno associare alla terapia locale (chirurgia e/o radioterapia), la chemioterapia.

La prognosi è variabile e dipende dalle dimensioni del tumore e dalla presenza o meno di metastasi al momento della diagnosi.